Arredamento stile giapponese, consigli su come realizzarlo

L’arredamento in stile giapponese è ideale per portare in casa grande armonia, atmosfere rilassanti e perfette anche per la stanza da letto e per ogni altro ambiente domestico. Scopriamo in questa guida aggiornata i consigli dell’interior designer su come portare un po’ di spirito zen nelle nostre case, anche servendoci di affascinanti stampe e quadri in tela canvas.

Arredamento in stile giapponese: i mobili must have
Per portare nella nostra casa la tipica atmosfera rasserenante giapponese è bene in primis scegliere gli arredamenti giusti. In generale è bene propendere per mobili dalle forme geometriche, dai profili minimali come i tavoli rettangolari, le consolle rettangolari, magari allungabili per ottimizzare anche i piccoli spazi. Anche le sedie è bene siano semplici, il più possibile raffinate e potremmo anche propendere per arredi dal tipico sapore etnico, orientali originali. In Italia infatti esistono molte aziende e negozi che vendono mobilio proveniente dall’Oriente e dal Giappone in particolare, anche di stampo vintage. L’interior designer Eleonora Tredici suggerisce di utilizzare mobili che possano avere un colore e una finitura a contrasto con quella parietale. Ad esempio le pareti chiare, dipinte di bianco, saranno perfette con accanto mobili scuri, magari laccati. Al contrario se utilizzeremo carte da parati con motivi zen o giapponesi, magari scuri o parecchio colorati, meglio accostare arredi chiari o in legno grezzo.

Colori ideali per arredare con lo stile giapponese

L’arredamento in stile giapponese è per antonomasia rilassante, ispira serenità e tranquillità dei sensi e questo è dovuto agli ambienti semplici, essenziali e contraddistinti da nuance neutre. Si, i colori topic sono senza dubbio il nero e il bianco, quelli utilizzati in grande quantità pure nell’arredamento di stile Feng Shui, altra corrente orientale molto adottata negli ultimi anni pure in Europa. Ovviamente l’esperto consiglia rivestimenti chiari, pareti dipinte di bianco oppure nelle diverse nuance della stessa tinta come il panna, il beige, il bianco sporco, ecc. In questo modo si conferirà massima luminosità all’ambiente e pure alle stanze molto piccole e con poche finestre. Interessante nell’arredamento giapponese è anche l’utilizzo delle carte da parati in stile: potremmo utilizzare ad esempio modelli con carpe koi, simbolo portafortuna orientale, magari con sfondo che ricorda i corsi d’acqua. O ancora saranno ideali motivi astratti o fiorati, meglio se con alberi di ciliegio in fiore perché simbolo ben augurante. I dettagli degli arredi o dei complementi invece potranno essere declinati in rosso, altra nuance portafortuna e tipica della tradizione decorativa giapponese.

Quadri perfetti per arredare con lo stile giapponese

Per arredare casa, o qualsiasi altro ambiente, con lo stile giapponese possiamo utilizzare una sorta di asso nella manica: i quadri. Si, perché queste decorazioni parietali hanno un forte impatto estetico ed empatico, emozionale per essere precisi e possono fare la differenza negli ambienti più vari. Non importa infatti la dimensione delle stanza in cui si installeranno i quadri, l’unica accortezza è quella di scegliere prodotti proporzionati. Cioè, come spiega anche l’interior designer Eleonora Tredici, sarà il caso di prediligere quadri in canvas medio piccoli in ambienti non troppo ampi e quadri molto ampi o composti da tre pannelli nelle stanze grandi o molto grandi. Non solo, proprio il trittico è ideale per dare maggiore dinamismo a spazi arredati in modo molto austero e minimale, oppure in stanze giocate su una o due tonalità. In generale i quadri perfetti per l’arredo giapponese sono stampati su tela canvas, hanno quindi tinte molto vivide e non per forza vanno incorniciati. I soggetti che rappresentano meglio l’aspetto zen orientale sono quelli che immortalano la natura, corsi d’acqua, fontane e ciottoli levigati, aceri colorati o angoli Feng Shui. I colori predominanti dei quadri per l’arredo in stile giapponese saranno chiari come le palette del bianco e del sabbia, oppure il verde accesso o al contrario in tonalità muschio, ma anche tutte le sfumature del grigio. Ma dove sistemare i quadri stampati su tela canvas nell’arredo in stile giapponese? Semplice, è bene installarli su pareti sgombre e che non abbiano altre decorazioni. Facciamo qualche esempio pratico: in camera da letto sarà ideale un tema zen rilassante sul muro di fronte al letto e che facilmente coadiuverà il sonno e il relax. Nella zona living potremmo mettere più quadri zen cosi che ad ogni sguardo incroceremo colori e temi rasserenanti. Mentre il sala da pranzo il quadro zen, o un trittico, potrà costituire il fondale dell’angolo living dove accogliere amici e parenti durante tutto l’anno.